Risorse energetiche

Inquinamento luminoso

Nota informativa

La Città metropolitana di Torino non ha attualmente alcuna competenza in materia di inquinamento luminoso in quanto l'art. 13 della L.R. 9 febbraio 2018 n. 3 ha abrogato l'art. 5 della L.R. 24 marzo 2000 n. 31, che definiva le competenze delle Province.

Quanto riportato nel seguito si riferisce perciò unicamente ad attività svolte dalla Provincia (ora Città metropolitana) di Torino nel periodo in cui è stato vigente l'art. 5 della L.R. 24 marzo 2000 n. 31, senza successivi aggiornamenti.

La Legge Regionale n. 31 del 24 marzo 2000 "Disposizioni per la prevenzione e lotta all'inquinamento luminoso e per il corretto impiego delle risorse energetiche" attribuisce alle Province le seguenti competenze:

  • Elaborare apposite linee guida per l'applicazione della legge
  • Diffondere i principi dettati dalla legge
  • Esercitare il controllo sul corretto e razionale uso dell'energia da illuminazione esterna da parte dei comuni
  • Esercitare la sorveglianza e l'applicazione delle sanzioni sugli impianti di illuminazione pubblici e privati.

I Comuni che non si dotano di un piano regolatore dell'illuminazione, devono osservare le linee guida provinciali; pertanto queste ultime introdurranno strumenti di analisi per i tecnici comunali che nell'esame delle pratiche edilizie dovranno verificare la conformità degli impianti di illuminazione esterna, correlati all'intervento di ristrutturazione o nuova costruzione, alle prescrizioni di legge.

La Provincia di Torino ha approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n° 330414 del 10 febbraio 2004 le Linee Guida per l'applicazione della LR 31/2000.

Corso per i tecnici comunali sull'illuminazione pubblica finalizzato alla riduzione dei consumi energetici e al contenimento dell'inquinamento luminoso
(1, 8 e 15 marzo 2006)