Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Un successo il PASocial 2019 Day a Torino

 

C'era una volta il caro vecchio comunicato stampa, la velina, consegnata a mano ai giornalisti da veloci fattorini, poi spedita via fax e da vent'anni via e-mail.

Negli imminenti anni '20 del XXI secolo ormai anche la mail è diventata obsoleta.

Aziende e pubbliche amministrazioni comunicano sempre più e sempre meglio nei social network e devono contrastare le notizie false, informare e formare l'utenza e l'opinione pubblica, favorire il dialogo, la trasparenza e l'orientamento ai servizi delle amministrazioni pubbliche, educare i più giovani ad un uso consapevole del web e delle nuove tecnologie.

Su quanto e come la cultura digitale ha cambiato i modi, i tempi e il linguaggio delle pubbliche amministrazioni si è discusso nel PASocial Day di Piemonte e Valle d'Aosta che si è svolto nella mattina di martedì 18 giugno a Torino ospitato dalla Città Metropolitana di Torino nella sua sede aulica di Palazzo Cisterna.

L'evento era in  contemporanea in 18 città italiane

"Digital speeches e PA: l'educazione al digitale, tra etica e linguaggi felici" il tema del confronto tra giornalisti e comunicatori pubblici: numeroso ed attento il pubblico di comunicatori, giornalisti, addetti ai lavori.


A Torino il PASocial Day 2019

Contrastare le fake news, informare e informarsi sui social network. Favorire il dialogo, la trasparenza e l'orientamento ai servizi delle amministrazioni pubbliche. Educare i più giovani a un uso consapevole del web e delle nuove tecnologie. Una pubblica amministrazione social in Piemonte oggi serve a tutto questo e a molto altro ancora.

La cultura digitale ha cambiato i modi, i tempi e il linguaggio delle pubbliche amministrazioni, sempre più orientate a comunicare con il cittadino attraverso lo schermo di pc e smartphones. Una nuova frontiera che trasforma di conseguenza anche l'organizzazione del lavoro, crea nuove figure professionali, punta a uno "sportello al cittadino" sempre più 4.0 e sempre più accessibile.

Sono questi i temi al centro del #PASocial Day piemontese in programma martedì 18 giugno a Torino, in contemporanea con altre 17 città italiane. L'appuntamento è nella sede aulica della Città Metropolitana di Torino, a Palazzo Cisterna in via Maria Vittoria 12 dalle 9.30 alle 13.30 sul tema  "Digital speeches e PA: l'educazione al digitale, tra etica e linguaggi felici".

"Abbiamo scelto questo tema - spiega Annalisa D'Errico, coordinatrice dell'associazione PA social per Piemonte e Valle d'Aosta - perché crediamo che la cultura al digitale e l'educazione all'uso delle nuove tecnologie rappresentino la base imprescindibile di ogni tipo di azione nell'ambito della nuova comunicazione. A maggior ragione nella pubblica amministrazione. Fornire strumenti certi e affidabili, condividere strategie e modelli organizzativi, confrontare esperienze e buone pratiche sono tutti strumenti che ci permettono di essere più consapevoli nell'uso quotidiano di social, app e web".

Dopo i saluti istituzionali, Annalisa D'Errico traccerà un bilancio dell'esperienza e delle iniziative di Pa social nell'ultimo anno. Toccherà poi a Sergio Talamo, Direttore della Comunicazione di Formez Pa fare il punto sulla comunicazione nella PA; molto è cambiato dalla legge 150 del 2000 e tra trasparenza, social e innovazione sono nate nuove professionalità della comunicazione pubblica.

La seconda parte della mattinata sarà invece dedicata alle buone pratiche, con le "Esperienze felici di digital education in una PA" una tavola rotonda che vedrà gli interventi di Carla Gatti, Direttore della comunicazione della Città Metropolitana di Torino, Fabio Fogli, data analyst The Press Match/Viz And Chips, Fabio Malagnino coordinatore dell'Ufficio Stampa del Consiglio Regionale del Piemonte, Maurizio Gomboli responsabile della comunicazione del Csi Piemonte e Carla Fiorio della Città di Biella moderati da Carola Quaglia, responsabile della comunicazione di ATC.

Il #PASocial day è inserito tra gli eventi di formazione professionale continua dell'Ordine dei Giornalisti del Piemonte.

 

(18 giugno 2019)