Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Corona Verde

La Città metropolitana - con la realizzazione del progetto Top Metro all'interno del Bando periferie per la riqualificazione urbana e la sicurezza - comprende tra i suoi interventi anche quello di area vasta denominato Corona Verde, una infrastruttura verde per la riqualificazione e la ricucitura sostenibile delle periferie, un insieme integrato di interventi per la riqualificazione delle periferie ed il miglioramento della sicurezza del territorio e dei cittadini.
Sappiamo bene come le periferie spesso risultino isolate rispetto agli elementi di valore naturale e paesaggistico, rispetto ai servizi e agli elementi di interesse culturale e non riescono a fruire di servizi essenziali, ambientali e di mobilità: per questo, la creazione di un sistema unitario di infrastrutture verdi può rappresentare la chiave per ricucire questo tessuto urbano, dove aree edificate e aree dedicate alle attività produttive o terziarie si alternano ad aree verdi libere frammentate e scarsamente manutenute.

Partecipando al Progetto Top Metro coordinato dalla Città metropolitana e finanziato con fondi ministeriali del Bando Periferie, la Regione Piemonte ha deciso di focalizzarsi proprio sulla realizzazione dell'intervento Corona Verde vista come infrastruttura verde per la riqualificazione e la ricucitura sostenibile delle periferie.

Attraverso la redazione di un piano per la governance e di un programma di azione della mobilità ciclabile metropolitana da integrare e coordinare con il PUMS - Piano Urbano Mobilità Sostenibile, la Città metropolitana interviene attivamente su questa rete di natura, storia e città.

Cos’è Corona Verde
E’ intesa come la grande cintura che abbraccia Torino con aree verdi, residenze reali, reti fluviali e campi coltivati. Vivere qui può garantire salute e benessere, contrastare l’inquinamento atmosferico e acustico, aumentare la resilienza agli effetti causati dai cambiamenti climatici, rappresentare un modello di sviluppo locale sostenibile e durevole. Numerosi Comuni hanno sottoscritto un protocollo di intesa che ha tra i suoi obiettivi il potenziamento della rete ecologica, il completamento della rete ciclabile ed escursionistica, la qualificazione dell’agricoltura peri urbana, il contrasto al consumo di suolo. In tutto si tratta di 81 Comuni e altri 18 soggetti, tra pubblici e privati, che nel protocollo hanno condiviso obiettivi e impegni. Il territorio interessato si estende da Torino alle altre municipalità del territorio metropolitano, che a fini operativi è stato suddiviso in sei ambiti territoriali coordinati da altrettanti Comuni capofila Chieri, Nichelino, Rivoli, Settimo Torinese, Torino e Venaria. La partecipazione è garantita attraverso una struttura di governo che prevede una cabina di regia di ampia rappresentanza territoriale (La Città metropolitana di Torino, i Comuni capofila, Parco del Po e della Collina torinese supportate scientificamente dal Politecnico di Torino.
Per coordinare le azioni previste è stata realizzata una piattaforma di e-government per supportare le decisioni delle istituzioni, ma anche l'azione e la partecipazione responsabile di tutti gli attori del territorio.

I numeri di Corona Verde

  • Area: 164.883 ettari
  • Popolazione: 1.803.910 abitanti
  • Comuni (territorio): 93
  • Aree protette: 30.902 ettari
  • Siti di Interesse Comunitario (SIC): 13.925 ettari
  • Zone di Protezione Speciale (ZPS): 1.865 ettari
  • Corsi d’acqua: 367 chilometri
  • Residenze Reali: 12

Maggiori informazioni
Corona Verde

(31 agosto 2020)